Monthly Archives: dicembre 2015

“Conoscere il diverso – l valori fondamentali della memoria, dell’etica umana e della legalità, della libertà e della fratellanza tra i popoli. Primo incontro seminariale a cura di Antonio Sorrenti del Centro Studi Ebraici Beth Mibrash (Università della Calabria)”, 16 dicembre 2015 h. 15.00 – 18.00 presso l’Aula magna dell’Istituto Scolastico comprensivo Falcomatà Archi (Aula Magna Scuola di Santa Caterina, Reggio Calabria)

“E’ al via il progetto educativo “Conoscere il diverso – l valori fondamentali della memoria, dell’etica umana e della legalità, della libertà e della fratellanza tra i popoli. Primo incontro seminariale a cura di Antonio Sorrenti Centro Studi Ebraici Beth Mibrash (Università della Calabria)” che l’Istituto Italiano per l’Anticorruzione – Centro Studi ha promosso nell’ambito di un articolato calendario scientifico di iniziative culturali e senza fine di lucro, su temi nevralgici per il futuro ed il benessere dell’individuo e della comunità, con il coinvolgimento di primarie agenzie educative, Enti, pubbliche autorità ed amministrazioni, associazioni in rete. Si rafforza la partnership già avviata con l’Istituto Comprensivo Falcomatà Archi di Reggio Calabria grazie alla lungimiranza ed all’impegno assiduo della direttrice scolastica Dott.ssa Serafina Corrado, nell’ambito di una programmazione educativa, integrata e multidisciplinare, valorizzata nel Patto Educativo Territoriale e nella rete interistituzionale finalizzata a rafforzare l’impiego sinergico di risorse, saperi e competenze.
La scuola Falcomatà Archi si è dotata di un programma educativo formativo curriculare ed extracurriculare fortemente orientato ai valori della civitas e della cittadinanza attiva, della etica e della legalità, della salvaguardia del patrimonio culturale, della integrazione e tutela di ciascuna componente socio-culturale nel contesto di vita del fanciullo. In sinergia, nel corso del 2015, abbiamo sviluppato numerose iniziative culturali e formative, secondo il metodo della cultura della prevenzione attraverso la sensibilizzazione e la corretta informazione, su aree tematiche etico-giuridiche fondamentali per lo sviluppo dell’individuo, per il suo benessere e per quello della società in cui vive e si proietta, attraverso l’acquisizione di una maggiore consapevolezza e responsabilità sociale, verso uno sviluppo sostenibile, un orizzonte di pace, di legalità e libertà, di giustizia ed equità, di integrazione e rispetto dell’altro contro le discriminazioni di ogni genere e specie.
È altrettanto significativa la creazione di una rete interistituzionale, che si sviluppi attraverso programmi condivisi ed eventi educativi che contribuiscano nel fare massa critica sui valori etico- sociali fondamentali, stimolino l’apporto qualificato e pragmatico di ciascuna agenzia educativa ed Ente, la partecipazione delle famiglie, dei cittadini e delle associazioni alle quali la rete è aperta.
Assecondando tale vision ed in aderenza ai programmi educativi ministeriali, l’Istituto Comprensivo Falcomatà Archi, con l’ausilio dell’Istituto Italiano per l’Anticorruzione ed al momento, con il patrocinio morale dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Reggio Calabria, del Centro Studi Ebraici Beth Mibrash che ha sede presso l’Università della Calabria e delle amministrazioni Comunali di Tarsia (CS) e di San Marco Argentano (CS), ha dato impulso ad un progetto educativo focalizzato sui temi del “Giorno della Memoria”, sulla disponibilità a conoscere il diverso, sull’educazione alle differenze contro le discriminazioni, specie religiose, allo scopo di tramandare e rafforzare nei giovani la consapevolezza della Shoah. L’obiettivo è di contribuire a consolidare, attraverso la memoria storica ed il racconto esperienziale, l’importanza della integrazione sociale, del rispetto, dell’Etica e della Libertà per creare un contesto di Pace, fraternità e dialogo tra i popoli, oltre ogni differenza di etnia e religione. Si tratta di temi di grande attualità che l’anno Giubilare della misericordia, la paura dell’immanenza della guerra internazionale ed i grandi movimenti migratori di fuga dai contesti di guerra, portano alla responsabile attenzione di ciascuno. Informare e sensibilizzare, nella nostra comunità, da sempre terra di approdo ed anche di transito di genti verso altri destini, serve a prevenire ed a favorire una crescita ed una convivenza sana nella diversità della persona ma nell’uguaglianza dei diritti. Il progetto si svilupperà attraverso step educativi dedicati al personale docente ed agli alunni delle diverse classi, lungo tutto l’anno scolastico 2015/2016.
Il primo di questi appuntamenti avrà luogo il prossimo 16 dicembre con inizio alle ore 15.00 presso i locali dell’Aula Magna della Scuola di Santa Caterina.
E’ prevista una breve conferenza stampa di apertura e presentazione del progetto, aperta alla stampa ed al pubblico, alla quale saranno presenti la Direttrice dott.ssa Serafina Corrado, il direttore scientifico dell’IIA avv. Concettina Siciliano ed, illustre ospite, il referente del Centro Studi Ebraici Beth Mibrash per la Calabria indicato dalla sua Presidente Prof. Paola Helgel, prof. Antonio Sorrenti, insigne studioso del Centro Internazionale di Studi Giudaci ed autore, tra i numerosi altri, del testo “Il Kaddish a Ferramonti”. Si attende la conferma della presenza e partecipazione alla conferenza stampa di altre insigni autorità.
Al termine della conferenza stampa avranno inizio i lavori seminariali dedicati ai docenti dell’Istituto che saranno introdotti allo studio della tematica dal prof. Antonio Sorrenti”” (di Concettina Siciliano – direttore  scientifico del Centro Studi)