Category Archives: antidiscriminazione

Incontro dibattito Pari Opportunità e Rete Socio -Istituzionale – prevenzione e contrasto della violenza di genere e delle discriminazioni socio – lavorative

L’incontro dibattito avrà luogo il prossimo 8 marzo 2016, presso i locali del Cineteatro del Comune di Oppido Mamertina (RC) con inizio alle ore 8.45.. L’evento si inserisce nella sezione di iniziative tematiche dedicate a “Etica, Legalità ed anticorruzione. La tutela dei diritti umani ed il ruolo delle donne nella promozione della cultura dell’etica e della legalità, nel contrasto al malaffare ed al degrado socio-culturale ed ad ogni forma di violenza e discriminazione”, sviluppato dall’Istituto Italiano per l’Anticorruzione in sinergia e con il patrocinio morale del Comune di Oppido Mamertina, dell’Assessorato alle pari opportunità, della Commissione Pari opportunità e del Servizio Civile del Comune di Oppido Mamertina, ed in rete con Cisl e Coordinamento donne Cisl della Provincia di Reggio Calabria e con Sindacato delle forze di polizia SIULP RC e “Legal.. insieme”. Si tratteranno i temi dell’Etica, della Legalità, delle Pari Opportunità e del Merito, della Solidarietà e della Rete socio-istituzionale: strumenti di prevenzione e contrasto alla violenza di genere, alle discriminazioni e condizioni di svantaggio nel contesto sociale e lavorativo.
I lavori prevedono la partecipazione attiva delle delegazioni studentesche delle scuole superiori e sono organizzati con modalità interattiva rispetto agli oggetti di discussione che si svolgeranno attorno:
– alla presentazione della Mostra fotografica tematica a cura del Servizio Civile del Comune di Oppido Mamertina;
– alla proiezione del cortometraggio “Lui era mio padre” a cura di Cisl coordinamento donne RC e del Sindacato delle Forze di Polizia SIULP Rc, nell’ambito del progetto “Legal…insieme”.
Riteniamo che l’informazione adeguata, la sensibilizzazione culturale e la creazione di una rete educativa ed idonea alla relazione di aiuto psico-socio-sanitaria verso chi subisce violenze, sono gli strumenti concreti principali attraverso i quali costruire percorsi virtuosi di solidarietà e buone prassi nell’ambito della rete socio-istituzionale, in quanto fattori precursori di legalità e benessere.
Tra gli illustri ospiti, interverranno autorevoli esponenti delle istituzioni e dell’associazionismo come da locandina. Sono programmati gli interventi del Sig. Procuratore della Repubblica di Palmi dott. Ottavio Sferlazza, del Sindaco del Comune di Oppido Mamertina dott. Domenico Giannetta, dell’Assessore alle Pari opportunità dott.ssa Eleonora Bellantonio, della Presidente della Commissione Pari Opportunità dott.ssa Maria Giovanna Ursida, della dott.ssa Giovanna Foti referente del team del Servizio Civile del Comune di Oppido Mamertina, dell’ avv. Concettina Siciliano direttore scientifico dell’istituto Italiano Anticorruzione e vicepresidente della Commissione pari opportunità del comune di Oppido Mamertina, del dott. Paolo Tramonti Segretario Generale CISL Calabria, del dott. Domenico Serranò Segretario Provinciale CISL RC, della dott.ssa Nausica Sbarra Responsabile del Coordinamento Donne Cisl della Provincia di Reggio Calabria, del dott.Ferdinando Spagnolo Segretario Provinciale organizzativo SIULP, referente del progetto di eduzione alla legalità “Legal…Insieme” ed autore del cortometraggio, della Dott.ssa Mariella Squillace responsabile Centro per l’Abuso Azienda Sanitaria provinciale 5 di Reggio Calabria, del Prof. Giuseppe Eburnea Dirigente scolastico dell’Istituto d’Istruzione Superiore di Oppido Mamertina, di Don Alfonso Franco Dirigente Scolastico del Liceo Classico di Oppido Mamertina
Il seminario/dibattito è libero e gratuito nella partecipazione ed aperto a tutta la cittadinanza che ne abbia interesse, ai pubblici amministratori, ai responsabili e dirigenti scolastici, agli insegnanti ed agli studenti delle scuole superiori, ai referenti delle forze di polizia, alle associazioni di categoria, ai professionisti ed agli operatori socio-sanitari. (Concettina T. Siciliano)

https://www.facebook.com/events/981092301961443/?ref=1&feed_story_type=117&action_history=%5B%7B%22surface%22%3A%22permalink%22%2C%22mechanism%22%3A%22surface%22%2C%22extra_data%22%3A%5B%5D%7D%5D

La tutela dei diritti umani ed il ruolo delle donne nella promozione della cultura dell’etica e della legalità, nel contrasto al malaffare ed al degrado socio-culturale ed ad ogni forma di violenza e discriminazione

Reggio Calabria, 05 febbraio 2016-  comunicato stampa: dichiarazione congiunta nell’ambito del protocollo d’intesa tra l’Istituto Italiano per l’Anticorruzione, la Onlus Itaca, il Comune di Oppido Mamertina ed in sinergia con il Coordinamento Donne CISL di Reggio Calabria, per la programmazione in rete interistituzionale di iniziative di informazione e sensibilizzazione culturale in tema di “Etica, Legalità ed anticorruzione. La tutela dei diritti umani ed il ruolo delle donne nella promozione della cultura dell’etica e della legalità, nel contrasto al malaffare ed al degrado socio-culturale ed ad ogni forma di violenza e discriminazione- << In occasione della Giornata internazionale contro le mutilazioni genitali femminili, che si celebra il 6 febbraio, l’Istituto Italiano Anticorruzione Centro Studi, la Cooperativa Onlus Itaca congiuntamente al Comune di Oppido Mamertina ed in sinergia con il Coordinamento Donne Cisl della Provincia di Reggio Calabria intendono ribadire il loro impegno socio-istituzionale a promuovere azioni positive ed interventi culturali territoriali, comuni e ciascuno nel proprio ambito, che sostengano il principio della Commissione Europea di “applicare una tolleranza zero” contro la violenze di genere e per le mutilazioni genitali femminili in Europa e nel mondo in quanto violano i diritti umani e i diritti dei minori. Le pratiche di violenza su donne e bambine di questo tipo meritano di essere condannate con fermezza in quanto non possono giustificarsi per nessun motivo, non potendo sussistere alcun fattore (usanze, tradizioni, cultura, rispetto della vita privata, religione o questioni d’onore, etc..) che possa essere addotto come alibi per il mancato rispetto dell’obbligo di prevenire ed eliminare queste forme di violenza che come tutte le forme di violenza che colpiscono l’essere umano costituiscono il principale vulnus al progresso di una comunità partecipata ed integrata con i popoli e le genti, senza discriminazione alcuna. Oggi, in una regione che è terra di approdo e di accoglienza di flussi migratori provenienti da altre parti del mondo e paesi che non sono dotati ancora di una legislazione di tutela, il richiamo di attenzione su tali tematiche diventa emergente per garantire un ordinato sviluppo della vita della comunità. L’informazione adeguata, la sensibilizzazione culturale e la creazione di una rete idonea alla relazione di aiuto psico-socio-sanitaria verso chi subisce violenze, anche di questo tipo, sono gli strumenti concreti principali attraverso i quali costruire percorsi virtuosi di solidarietà e buone prassi nell’ambito della rete socio-istituzionale, in quanto fattori precursori di legalità e benessere. L’Istituto Italiano Anticorruzione e la Cooperativa Onlus Itaca congiuntamente al Comune di Oppido Mamertina, hanno già avviato un programma di iniziative comuni di sensibilizzazione culturale sui temi del protocollo interistituzionale “Etica, Legalità ed anticorruzione. La tutela dei diritti umani ed il ruolo delle donne nella promozione della cultura dell’etica e della legalità, nel contrasto al malaffare ed al degrado socio-culturale ed ad ogni forma di violenza e discriminazione”, nell’ambito del quale sarà proficua la sinergia con il Coordinamento Donne Cisl della Provincia di Reggio Calabria. Alla base delle aree di intervento c’è la ferma convinzione che per la crescita ed il benessere olistico della persona e della comunità civile occorre rafforzare il patto etico-sociale generazionale e condizioni di contesto socio-culturale appropriate che sostengano l’esercizio delle libertà e la tutela della legalità in ogni ambito del vivere umano. L’approccio è quello che di un metodo sistematico di studio e di osservazione delle problematiche psico-sociali che pongano ‘al centro’ la persona ed il rispetto della dignità umana, senza distinzione di sesso, razza e religione. Enti, cittadini ed associazioni sono chiamati, pertanto, ciascuno rispetto al proprio consapevole ruolo ed al proprio livello di responsabilità, a promuovere e condividere azioni positive in rete, di informazione adeguata, di animazione e di sensibilizzazione sui temi della prevenzione attraverso la cultura dell’etica, della legalità e della responsabilità, del merito e delle pari opportunità nell’ampio progetto culturale di crescita di una società moderna, accogliente e disponibile alla solidarietà ed all’integrazione del diverso, contro ogni forma di violenza, di discriminazione e di barbarie. La violenza e la discriminazione contro un essere umano è sempre da considerarsi un fatto pubblico, non una questione privata in quanto è una minaccia ed un danno tangibile alla libertà e dignità dell’essere umano e ne pregiudica la crescita, la salute e ne mette a repentaglio la stessa vita. Nell’ambito delle attività del comitato di rete per il programma di azioni culturali sui temi dell’Etica e dei valori fondamentali della libertà e della dignità umana, il Sindaco del Comune di Oppido Mamertina dott. Domenico Giannetta unitamente agli assessorati competenti, il direttore scientifico dell’Istituto Italiano per l’Anticorruzione Centro Studi avv. Concettina Siciliano e la responsabile della Cooperativa Onlus Itaca dott.ssa Maria Giovanna Ursida in sinergia con la responsabile del Coordinamento Donne Cisl della Provincia di Reggio Calabria dott.ssa Nausica Sbarra promuovono un ciclo di attività laboratoriali e progettuali, di incontri, convegni e seminari con i cittadini, con gli istituti scolastici e le associazioni senza scopo di lucro presenti sul territorio e con gli altri Enti e pubbliche autorità in rete, con il fine di sostenere la tutela dei diritti umani, il contrasto alla violenza di genere come atto di aberrazione della persona, per incoraggiare le donne a denunciare i casi e per garantire loro l’accesso alla giustizia, la sensibilizzazione sulle problematiche femminili, di genere ed antidiscriminatorie, nel mondo del lavoro, nelle scuole e nella rete dei servizi socio-sanitari etc.. Le informazioni di dettaglio saranno a breve diffuse sui siti istituzionali al fine di garantire la massima partecipazione alle iniziative. Per la Cooperativa Sociale ITACA la Presidente Dott.ssa Maria Giovanna Ursida, per l’Istituto Italiano Anticorruzione Centro Studi il Direttore Scientifico Avv. Concettina Siciliano, per il Comune di Oppido Mamertina il Sindaco dr Domenico Giannetta e per il Coordinamento donne Cisl Reggio Calabria la Responsabile dott.ssa Nausica Sbarra>>

“Conoscere il diverso – l valori fondamentali della memoria, dell’etica umana e della legalità, della libertà e della fratellanza tra i popoli. Primo incontro seminariale a cura di Antonio Sorrenti del Centro Studi Ebraici Beth Mibrash (Università della Calabria)”, 16 dicembre 2015 h. 15.00 – 18.00 presso l’Aula magna dell’Istituto Scolastico comprensivo Falcomatà Archi (Aula Magna Scuola di Santa Caterina, Reggio Calabria)

“E’ al via il progetto educativo “Conoscere il diverso – l valori fondamentali della memoria, dell’etica umana e della legalità, della libertà e della fratellanza tra i popoli. Primo incontro seminariale a cura di Antonio Sorrenti Centro Studi Ebraici Beth Mibrash (Università della Calabria)” che l’Istituto Italiano per l’Anticorruzione – Centro Studi ha promosso nell’ambito di un articolato calendario scientifico di iniziative culturali e senza fine di lucro, su temi nevralgici per il futuro ed il benessere dell’individuo e della comunità, con il coinvolgimento di primarie agenzie educative, Enti, pubbliche autorità ed amministrazioni, associazioni in rete. Si rafforza la partnership già avviata con l’Istituto Comprensivo Falcomatà Archi di Reggio Calabria grazie alla lungimiranza ed all’impegno assiduo della direttrice scolastica Dott.ssa Serafina Corrado, nell’ambito di una programmazione educativa, integrata e multidisciplinare, valorizzata nel Patto Educativo Territoriale e nella rete interistituzionale finalizzata a rafforzare l’impiego sinergico di risorse, saperi e competenze.
La scuola Falcomatà Archi si è dotata di un programma educativo formativo curriculare ed extracurriculare fortemente orientato ai valori della civitas e della cittadinanza attiva, della etica e della legalità, della salvaguardia del patrimonio culturale, della integrazione e tutela di ciascuna componente socio-culturale nel contesto di vita del fanciullo. In sinergia, nel corso del 2015, abbiamo sviluppato numerose iniziative culturali e formative, secondo il metodo della cultura della prevenzione attraverso la sensibilizzazione e la corretta informazione, su aree tematiche etico-giuridiche fondamentali per lo sviluppo dell’individuo, per il suo benessere e per quello della società in cui vive e si proietta, attraverso l’acquisizione di una maggiore consapevolezza e responsabilità sociale, verso uno sviluppo sostenibile, un orizzonte di pace, di legalità e libertà, di giustizia ed equità, di integrazione e rispetto dell’altro contro le discriminazioni di ogni genere e specie.
È altrettanto significativa la creazione di una rete interistituzionale, che si sviluppi attraverso programmi condivisi ed eventi educativi che contribuiscano nel fare massa critica sui valori etico- sociali fondamentali, stimolino l’apporto qualificato e pragmatico di ciascuna agenzia educativa ed Ente, la partecipazione delle famiglie, dei cittadini e delle associazioni alle quali la rete è aperta.
Assecondando tale vision ed in aderenza ai programmi educativi ministeriali, l’Istituto Comprensivo Falcomatà Archi, con l’ausilio dell’Istituto Italiano per l’Anticorruzione ed al momento, con il patrocinio morale dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Reggio Calabria, del Centro Studi Ebraici Beth Mibrash che ha sede presso l’Università della Calabria e delle amministrazioni Comunali di Tarsia (CS) e di San Marco Argentano (CS), ha dato impulso ad un progetto educativo focalizzato sui temi del “Giorno della Memoria”, sulla disponibilità a conoscere il diverso, sull’educazione alle differenze contro le discriminazioni, specie religiose, allo scopo di tramandare e rafforzare nei giovani la consapevolezza della Shoah. L’obiettivo è di contribuire a consolidare, attraverso la memoria storica ed il racconto esperienziale, l’importanza della integrazione sociale, del rispetto, dell’Etica e della Libertà per creare un contesto di Pace, fraternità e dialogo tra i popoli, oltre ogni differenza di etnia e religione. Si tratta di temi di grande attualità che l’anno Giubilare della misericordia, la paura dell’immanenza della guerra internazionale ed i grandi movimenti migratori di fuga dai contesti di guerra, portano alla responsabile attenzione di ciascuno. Informare e sensibilizzare, nella nostra comunità, da sempre terra di approdo ed anche di transito di genti verso altri destini, serve a prevenire ed a favorire una crescita ed una convivenza sana nella diversità della persona ma nell’uguaglianza dei diritti. Il progetto si svilupperà attraverso step educativi dedicati al personale docente ed agli alunni delle diverse classi, lungo tutto l’anno scolastico 2015/2016.
Il primo di questi appuntamenti avrà luogo il prossimo 16 dicembre con inizio alle ore 15.00 presso i locali dell’Aula Magna della Scuola di Santa Caterina.
E’ prevista una breve conferenza stampa di apertura e presentazione del progetto, aperta alla stampa ed al pubblico, alla quale saranno presenti la Direttrice dott.ssa Serafina Corrado, il direttore scientifico dell’IIA avv. Concettina Siciliano ed, illustre ospite, il referente del Centro Studi Ebraici Beth Mibrash per la Calabria indicato dalla sua Presidente Prof. Paola Helgel, prof. Antonio Sorrenti, insigne studioso del Centro Internazionale di Studi Giudaci ed autore, tra i numerosi altri, del testo “Il Kaddish a Ferramonti”. Si attende la conferma della presenza e partecipazione alla conferenza stampa di altre insigni autorità.
Al termine della conferenza stampa avranno inizio i lavori seminariali dedicati ai docenti dell’Istituto che saranno introdotti allo studio della tematica dal prof. Antonio Sorrenti”” (di Concettina Siciliano – direttore  scientifico del Centro Studi)